Home » Bollettino Europa »Rubriche » Europa, stress test per le centrali nucleari:

Europa, stress test per le centrali nucleari

marzo 21, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Pausa di riflessione e stress test per 143 impianti europei entro il 2011.  Dopo il sisma giapponese e l’allarme nucleare alla centrale di Fukushima, la paura ha preso il sopravvento. C’è chi come Chicco Testa, sostenitore dell’atomo, dice che serve una pausa per imparare dagli errori e chi come Mario Tozzi, il geologo del Cnr e divulgatore scientifico, insiste sulla pericolosità.

In Europa i governi hanno tenuto una riunione speciale martedì 15 marzo per discutere sulla situazione delle centrali nucleari e sono affiorate le diverse posizioni. C’è chi come Germania e Austria mette in primo piano la sicurezza, e altri, come la Francia, il Regno Unito e l’Italia, che sono più possibilisti. “C’è comunque un accordo di massima sulla necessità di rivedere la sicurezza. I 143 impianti europei saranno sottoposti a stress test che ne verificheranno la tenuta in caso di terremoti, inondazioni, incidenti aerei, attacchi terroristici o cibernetici, tagli di elettricità a livello locale”, ha specificato il commissario all’energia Günther Oettinger.

La Commissione inizierà a definire gli standard per questi test nelle prossime settimane. I parametri finali dovrebbero essere approvati in giugno, e gli stress test realizzati nella seconda parte dell’anno. Il presidente della commissione Ambiente Jo Leinen, congratulandosi per la rapida reazione degli Stati membri, ha elencato fra le iniziative possibili la revisione del Trattato Euratom. Il liberale inglese Chris Davis ha fatto notare che “in tutte le forme di produzione di energia c’è gente che muore, specialmente nell’industria del carbone”. Il 30% dell’elettricità nell’UE viene dal nucleare: “se, come suggerisce la Commissione, vogliamo tagliare le nostre emissioni dell’80% entro il 2050, dobbiamo trovare forme di energia che producono praticamente zero emissioni di CO2”.

Intanto alcuni paesi UE, in primis la Germania, hanno deciso di chiudere gli impianti più vecchi. Ma che cosa è il Trattato Euratom? Per combattere la carenza generalizzata di energia “tradizionale” degli anni cinquanta, i sei Stati fondatori (Germania, Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi) si orientarono verso l’energia nucleare come mezzo per conseguire l’indipendenza energetica. Poiché i costi d’investimento dell’energia nucleare superavano le possibilità dei singoli Stati, gli Stati fondatori si sono uniti per costituire l’Euratom. In generale, il trattato mira a contribuire alla formazione e allo sviluppo delle industrie nucleari europee e provvede affinché tutti gli Stati membri possano trarre beneficio dallo sviluppo dell’energia atomica, garantendo la sicurezza di approvvigionamento. L’Euratom ha competenze soltanto nel settore dell’energia nucleare civile e pacifica.

Francesca Fradelloni

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende