Home » Rubriche »Very Important Planet » Mizù, il leone vegetariano di Margherita Oggero:

Mizù, il leone vegetariano di Margherita Oggero

febbraio 24, 2012 Rubriche, Very Important Planet

C’era una volta un paese come tanti, con un negozio di alimentari, una tabaccheria, il bar, il ristorante sulla strada principale. E poi c’era Mizù, leone timido e vegetariano che nessuno vedeva, ma che era un ottimo compagno di giochi e avventure. Si intitola “L’amico di Mizù (Edizioni Notes) e affonda la fantasia in un giallo con i toni da fiaba l’ultimo libro di Margherita Oggero. Dopo “Il compito di un gatto di strada” (e numerosi romanzi da milioni di copie per adulti, alcuni dei quali divenuti anche fiction tv, come Provaci ancora Prof con Veronica Pivetti sulla RAI, o film come “Se devo essere sincera” con Luciana Littizzetto), ancora un animale a fare da protagonista alle sue storie. E nella parodia della vita, accade che i mammiferi a quattro zampe siano più saggi e giudiziosi degli uomini, anche nei confronti dell’ambiente che li ospita.

D) Professoressa Oggero, dove vive?

R) Nel capoluogo sabaudo, in uno dei corsi più trafficati e inquinati della città. Soprattutto da quando è stato eliminato un sovrappasso, idea che ha prodotto solo ingorghi e intasamenti a tutte le ore del giorno.

D) Auto, bus, metro, bici. Quali mezzi di trasporto utilizza abitualmente per muoversi in città?

R) Non guido la macchina da oltre 30 anni, per cui mi sposto a piedi se il raggio d’azione è relativamente breve: non amo le maratone. Mi piace camminare, ma se la meta è a portata di gambe, diversamente giro coi mezzi pubblici o in taxi.

D) Quanto a qualità della vita, come giudica Torino?

R) Siamo una delle città più inquinate d’Italia, e si sente! Se metti a stendere la biancheria fuori casa la ritiri che è una grigeria, a dispetto del nome. Non ho le competenze per dire quali siano le possibili misure per ridurre smog e dannose polveri sottili. Ma posso suggerire di partire dalle questioni di maggiore buon senso, per esempio convincere la gente a usare meno l’automobile. Forse bisognerebbe anche che ci adattassimo tutti ad avere nelle case temperature più basse. Da ultimo, bisognerebbe pensare a forme di energia meno inquinanti per l’alimentazione degli autoveicoli. Ma su questo occorre uno sforzo comune dei singoli, ma soprattutto dei governi e delle compagnie petrolifere e automobilistiche, che è ben lungi dal realizzarsi.

D) Nel suo condominio, quanti gradi ci sono d’inverno?

R) 19-20 gradi al massimo. Quando sto a casa e lavoro, io sono sempre in tuta felpata, perché cerco di evitare lo spreco. Il privato può attenersi a norme di intelligente parsimonia, che non vuol dire penuria: cominciare dall’abc, a non sprecare acqua e luce, fare la raccolta differenziata. Ma per davvero! La coscienza ecologica parte dalle piccole cose. Ci sono aree della Campania che fanno cadere le braccia: è vero che c’è la Camorra, che può essere un’attenuante all’ordine e alla pulizia dei territori, ma è mai possibile che i singoli non contribuiscano a migliorare la situazione: c’è chi non fa sei passi in più per gettare il sacchetto della spazzatura nel bidone, chi apre la finestra e la butta dal balcone, non curante di chi la raccoglierà.

D) Qual è l’angolo di verde della città che considera più letterario?

R) Il Valentino. E’ uno dei parchi più belli, non solo di Torino. Intanto perché è sul fiume, valore aggiunto che hanno in pochi. Passeggiare per i suoi viali alberati è una gioia, se non lo si fa in orari pericolosi. Si aprono davanti agli ochi squarci bellissimi, resteresti ore ad ammirarlo, anche dall’altra sponda del Po, perché è incantevole con la sua luce magnetica”.

D) La sua coscienza critica, tesa sempre a smascherare le diplomazie vuote di contenuto, è nota. Cosa ne pensa dei summit mondiali di governi e climatologi? Crede alla loro utilità?

R) Non servono a molto, a quanto mi sembra di capire. Sia gli stati che hanno problemi economici, sia quelli ricchi, tipo la Cina, non hanno molta voglia di investire nell’ambiente. I paesi in cui lo smog è stato un problema serio, durante i miei viaggi, sono stati proprio l’India e la Cina. Mi sentivo svenire per strada. In Cina, passata ventata di Olimpiadi, l’aria è tornata ad essere irrespirabile. Nonostante le parole, i grandi stati vogliono affrontare altri problemi, che danno loro maggior consenso elettorale e visibilità, fino a quando non si arriverà a punto di non ritorno. Sa come si dice in piemontese?.

D) No, ci dica…

R) Le soluzioni escogitate dai vertici di politica mondiale sono come en papin ‘n s’na gamba d’ bosch. Che significa un rimedio completamente inutile.

D) Non le è mai venuta l’idea di trarre spunto dai temi ambientali per un romanzo?

R) Conosco e leggo la letteratura apocalittica, come il romanzo della Montrucchio “E poi la sete”. Ma sono convinta che di questi temi parlerei in modo troppo superficiale. Per trattare bene certi argomenti occorre una preparazione professionale seria.

D) Scrive di gatti, è un’amante di questi animali?

R) Veramente preferisco i cani. Ne ho avuto diversi, ora l’impegno di portarli fuori a passeggiare 3-4 volte al giorno non è più sostenibile. D’altra parte, il mio elemento naturale non è certo la campagna. Sono io stessa un animale cittadino. Fuori da casa non riesco a lavorare, ho bisogno del caos intorno. Amo la montagna e forse ancora di più il mare. Ma quando sono in vacanza poso la penna, in viaggio non scrivo affatto, tanto so già che all’aria aperta e al relax tutte le idee cadono.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende