Home » Rubriche »Very Important Planet » Mizù, il leone vegetariano di Margherita Oggero:

Mizù, il leone vegetariano di Margherita Oggero

febbraio 24, 2012 Rubriche, Very Important Planet

C’era una volta un paese come tanti, con un negozio di alimentari, una tabaccheria, il bar, il ristorante sulla strada principale. E poi c’era Mizù, leone timido e vegetariano che nessuno vedeva, ma che era un ottimo compagno di giochi e avventure. Si intitola “L’amico di Mizù (Edizioni Notes) e affonda la fantasia in un giallo con i toni da fiaba l’ultimo libro di Margherita Oggero. Dopo “Il compito di un gatto di strada” (e numerosi romanzi da milioni di copie per adulti, alcuni dei quali divenuti anche fiction tv, come Provaci ancora Prof con Veronica Pivetti sulla RAI, o film come “Se devo essere sincera” con Luciana Littizzetto), ancora un animale a fare da protagonista alle sue storie. E nella parodia della vita, accade che i mammiferi a quattro zampe siano più saggi e giudiziosi degli uomini, anche nei confronti dell’ambiente che li ospita.

D) Professoressa Oggero, dove vive?

R) Nel capoluogo sabaudo, in uno dei corsi più trafficati e inquinati della città. Soprattutto da quando è stato eliminato un sovrappasso, idea che ha prodotto solo ingorghi e intasamenti a tutte le ore del giorno.

D) Auto, bus, metro, bici. Quali mezzi di trasporto utilizza abitualmente per muoversi in città?

R) Non guido la macchina da oltre 30 anni, per cui mi sposto a piedi se il raggio d’azione è relativamente breve: non amo le maratone. Mi piace camminare, ma se la meta è a portata di gambe, diversamente giro coi mezzi pubblici o in taxi.

D) Quanto a qualità della vita, come giudica Torino?

R) Siamo una delle città più inquinate d’Italia, e si sente! Se metti a stendere la biancheria fuori casa la ritiri che è una grigeria, a dispetto del nome. Non ho le competenze per dire quali siano le possibili misure per ridurre smog e dannose polveri sottili. Ma posso suggerire di partire dalle questioni di maggiore buon senso, per esempio convincere la gente a usare meno l’automobile. Forse bisognerebbe anche che ci adattassimo tutti ad avere nelle case temperature più basse. Da ultimo, bisognerebbe pensare a forme di energia meno inquinanti per l’alimentazione degli autoveicoli. Ma su questo occorre uno sforzo comune dei singoli, ma soprattutto dei governi e delle compagnie petrolifere e automobilistiche, che è ben lungi dal realizzarsi.

D) Nel suo condominio, quanti gradi ci sono d’inverno?

R) 19-20 gradi al massimo. Quando sto a casa e lavoro, io sono sempre in tuta felpata, perché cerco di evitare lo spreco. Il privato può attenersi a norme di intelligente parsimonia, che non vuol dire penuria: cominciare dall’abc, a non sprecare acqua e luce, fare la raccolta differenziata. Ma per davvero! La coscienza ecologica parte dalle piccole cose. Ci sono aree della Campania che fanno cadere le braccia: è vero che c’è la Camorra, che può essere un’attenuante all’ordine e alla pulizia dei territori, ma è mai possibile che i singoli non contribuiscano a migliorare la situazione: c’è chi non fa sei passi in più per gettare il sacchetto della spazzatura nel bidone, chi apre la finestra e la butta dal balcone, non curante di chi la raccoglierà.

D) Qual è l’angolo di verde della città che considera più letterario?

R) Il Valentino. E’ uno dei parchi più belli, non solo di Torino. Intanto perché è sul fiume, valore aggiunto che hanno in pochi. Passeggiare per i suoi viali alberati è una gioia, se non lo si fa in orari pericolosi. Si aprono davanti agli ochi squarci bellissimi, resteresti ore ad ammirarlo, anche dall’altra sponda del Po, perché è incantevole con la sua luce magnetica”.

D) La sua coscienza critica, tesa sempre a smascherare le diplomazie vuote di contenuto, è nota. Cosa ne pensa dei summit mondiali di governi e climatologi? Crede alla loro utilità?

R) Non servono a molto, a quanto mi sembra di capire. Sia gli stati che hanno problemi economici, sia quelli ricchi, tipo la Cina, non hanno molta voglia di investire nell’ambiente. I paesi in cui lo smog è stato un problema serio, durante i miei viaggi, sono stati proprio l’India e la Cina. Mi sentivo svenire per strada. In Cina, passata ventata di Olimpiadi, l’aria è tornata ad essere irrespirabile. Nonostante le parole, i grandi stati vogliono affrontare altri problemi, che danno loro maggior consenso elettorale e visibilità, fino a quando non si arriverà a punto di non ritorno. Sa come si dice in piemontese?.

D) No, ci dica…

R) Le soluzioni escogitate dai vertici di politica mondiale sono come en papin ‘n s’na gamba d’ bosch. Che significa un rimedio completamente inutile.

D) Non le è mai venuta l’idea di trarre spunto dai temi ambientali per un romanzo?

R) Conosco e leggo la letteratura apocalittica, come il romanzo della Montrucchio “E poi la sete”. Ma sono convinta che di questi temi parlerei in modo troppo superficiale. Per trattare bene certi argomenti occorre una preparazione professionale seria.

D) Scrive di gatti, è un’amante di questi animali?

R) Veramente preferisco i cani. Ne ho avuto diversi, ora l’impegno di portarli fuori a passeggiare 3-4 volte al giorno non è più sostenibile. D’altra parte, il mio elemento naturale non è certo la campagna. Sono io stessa un animale cittadino. Fuori da casa non riesco a lavorare, ho bisogno del caos intorno. Amo la montagna e forse ancora di più il mare. Ma quando sono in vacanza poso la penna, in viaggio non scrivo affatto, tanto so già che all’aria aperta e al relax tutte le idee cadono.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende