Home » Bollettino Europa »Rubriche » RAEE alla deriva, solo il 35% smaltito correttamente:

RAEE alla deriva, solo il 35% smaltito correttamente

settembre 7, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Ci sono voluti ben due anni di ricerca e gli sforzi congiunti dell’Unione Europea, dell’Interpool e delle Nazioni Unite ma alla fine il quadro è chiaro, quanto sconfortante: solo il 35% dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) in Europa è smaltito in maniera corretta. Il resto viene gestito attraverso canali illegali e senza alcun controllo. Causando, così, un devastante impatto ambientale, economico e sociale.

I risultati dello studio sono raccolti in una pubblicazione dal titolo Countering Weee Illegal Trade (CWIT), che ha letteralmente seguito la genesi di questi scarti molto “speciali”. Partendo dall’industria dell’elettronica e degli elettrodomestici, che immette nel mercato nuovi prodotti, mentre quelli obsoleti, non funzionanti o semplicemente “fuori moda”, si trasformano in Raee. Un fenomeno che in Europa, nel solo 2012, ha toccato quota 9,5 milioni di tonnellate. I Raee sono, infatti, la tipologia di rifiuti con il più alto tasso di crescita in tutto il mondo!

Di questa vera a propria marea, come anticipato, solo il 35% è stato raccolto dai sistemi ufficiali di riciclo. Il resto, circa 6,2 milioni di tonnellate, è stato o esportato – delle 1,3 milioni di tonnellate uscite dall’UE senza documenti regolari, 400 mila tonnellate (il 30%) era costituto da Raee – o gettato tra i rifiuti indifferenziati oppure riciclato in modo sbagliato.

I problemi sono, quindi, fuori e dentro i confini dell’Unione Europea. Dove, anche  negli Stati più avanzati dal punto di vista del controllo ambientale, comunque, mancano sistemi efficaci di monitoraggio delle performance di rimozione delle sostanze inquinanti e adeguati standard di trattamento di telefonini, televisori, computer e elettrodomestici diventati spazzatura. Fanalino di coda dell’UE sono, comunque i soliti noti: Romania, Spagna, Cipro e Italia. Il nostro Paese, in particolare, si piazzerebbe, secondo lo studio, agli ultimi posti, con un tasso di riciclo poco più alto del 20%. Tra i paesi più virtuosi, Svezia e Norvegia con circa l’85%.

Questo fenomeno conduce a tre effetti diretti. Il primo è legato all’ambiente e alla salute con un potenziale aumento del rischio di danni e patologie come cancro, malattie epatiche e renali e problemi dello sviluppo mentale dovuti a sostanze inquinanti contenute nelle apparecchiature, come piombo, mercurio, cadmio, cromo e i clorofluocarburi (CFC). Tuttavia, oltre ai danni ambientali che i Raee possono creare, c’è anche un lato economico che non è da sottovalutare. Contenendo, infatti, metalli preziosi, il loro non recupero equivale a una perdita di risorse per un valore stimato fra 800 milioni e 1,7 miliardi di Euro all’anno. Terzo, la noncuranza con cui vengono trattati gli E-waste crea un aumento dei reati che coinvolgono la criminalità organizzata come il trattamento inadeguato, i furti, il contrabbando o le false dichiarazioni sui carichi trasportati.

Visto che può generare profitti e che oggi viene difficilmente scoperta, questa forma di commercio illegale rischia di essere molto sfruttata”, ha dichiarato David Higgins, capo dell’Environmental Security Sub-Directorate di Interpol. Che ha aggiunto: “I Governi nazionali dovrebbero prevenire questo rischio adottando un mix bilanciato di sanzioni amministrative e penali, che riflettano l’entità sia dei profitti illeciti sia dei danni ambientali e sociali provocati”. È, quindi,  prioritario estrarre dai Raee e riciclare nel modo più corretto possibile tutti i metalli e tutti i componenti, anche le materie prime critiche.

È inutile negare che questa enorme massa di scarti tecnologici ha una causa con un nome ormai ben noto: obsolescenza programmata. Che d’ora in poi, almeno in Francia sarà reato. Queste disposizioni sono contenute nella ben più ampia legislazione relativa alla “Transition énergétique pour la croissance verte”, entrata in vigore il 19 agosto 2015, e prevedono multe per tutte quelle società e quei dirigenti compiacenti che abusano di questa particolare “strategia” di mercato.

Nel testo della norma, infatti,  l’obsolescenza programmata è definita come “l’insieme delle tecniche progettate per ridurre deliberatamente la durata di un prodotto per aumentare il tasso di sostituzione. Parole chiare, così come le pene che non sono per niente leggere. 300 mila Euro o il 5% del fatturato annuo sul territorio francese, e un massimo di 2 anni di reclusione per l’amministratore della compagnia.

La legge francese poi, scende ancora più nel dettaglio, individuando diversi casi. Primo fra tutti “l’obsolescenza funzionale di default“, attraverso la quale un dispositivo smette di funzionare con la rottura di un solo suo pezzo. C’è inoltre “l’obsolescenza di incompatibilità informatica“, con la quale il produttore rende inutile un prodotto per mancanza di compatibilità con le versioni successive. Esistono poi anche altre forme di obsolescenza, come la cessazione delle vendite dei pezzi di ricambio. Tutte pratiche che sono messe al bando. L’obiettivo naturalmente è quello di ridurre i rifiuti, promuovere la conservazione delle risorse naturali e difendere i consumatori.

A dir la verità, la Francia non è il solo Paese ad essersi interessato alla questione. Belgio, Paesi Bassi e Finlandia stanno facendo timidi passi in avanti, assieme all’Unione Europea, che ha inserito nei nuovi obiettivi anche la lotta all’obsolescenza programmata.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende