Home » Eventi »Nazionali »Normative »Politiche » Stati Generali dell Rinnovabili: Clini sul ring con le associazioni di categoria:

Stati Generali dell Rinnovabili: Clini sul ring con le associazioni di categoria

maggio 11, 2012 Eventi, Nazionali, Normative, Politiche

«Il futuro dell’Italia si gioca sulla possibilità di aumentare il ruolo delle fonti rinnovabili nella nostra economia e nel sistema energetico, tenendo conto che l’Italia non è un grande produttore di petrolio, di gas o carbone, e che non ha nucleare». Parola del ministro Corrado Clini, titolare dell’Ambiente, presente mercoledì 9 al convegno di apertura di Solarexpo, dal titolo gli “Stati generali delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica in Italia”.

A confrontarsi sui temi energetici, fonti pulite ed efficienza energetica, insieme alle istituzioni, tra cui GSE e Autorità per l’Energia, le venticinque associazioni di categoria (dall’Ifi, all’Aiel-Cia, dall’Assotermica alla Gifi-Anie ad Assosolare, solo per citarne alcune), riunite sotto un’unica bandiera, quella degli “Stati generali”. Chiare le richieste dei produttori al Governo: emanare rapidamente, consultando le parti, il decreto sulle rinnovabili termiche, atteso da settembre scorso, la definizione degli obiettivi dei certificati bianchi al 2020 e delle norme per l’immissione in rete e la promozione del biometano. E soprattutto, per quanto riguarda il fotovoltaico, ridurre la burocrazia, vera spina nel fianco delle aziende, quasi più dei tagli agli incentivi, seppur in alcuni casi particolarmente penalizzanti.

Ma prima di riuscire ad arrivare al tavolo del dibattito, nell’Auditorium Verdi, in fiera a Verona, il ministro Clini ha dovuto fronteggiare l’assedio dei giornalisti che lo attendevano. «Le rinnovabili rivestono un ruolo importante per la sicurezza energetica, per l’ambiente e per la crescita, perché investire nel miglioramento delle tecnologie esistenti per le rinnovabili vuol dire presentarsi sui mercati internazionali con prodotti che oggi hanno un’altissima domanda – ha commentato – I numeri del mercato globale dell’energia dicono che nel 2011, in assoluto, le rinnovabili hanno attratto la quota maggiore di investimenti rispetto all’estrazione del petrolio e del gas, il che vuol dire che i grandi investitori internazionali credono che lo sviluppo delle rinnovabili sia uno dei driver più importati per la competitività nei mercati dell’energia».

Sull’attesa del varo dei decreti e degli incentivi in Conto Energia il titolare dell’Ambiente replica diligentemente ribadendo le politiche governative, ma ammette che sono “migliorabili: «Lo schema di revisione degli incentivi ha due obiettivi. Il primo, rafforzare quelle componenti all’interno delle rinnovabili che possono essere più direttamente legate allo sviluppo di tecnologie nazionali, che dobbiamo completare con l’identificazione degli strumenti incentivanti per sostenere l’innovazione. Il secondo, ridurre il peso degli incentivi alle fonti rinnovabili sul costo dell’elettricità. Lo schema è ancora suscettibile di miglioramenti, dobbiamo ridurre i passaggi burocratici, semplificando le procedure, e compensare la riduzione degli incentivi in modo che non impatti negativamente sullo sviluppo del settore. La nostra attesa è che, attraverso questi strumenti incentivanti rinnovati, il peso delle rinnovabili nella generazione di elettricità passi dall’attuale 26% al 35% in tre anni. L’altra parte riguarda la produzione di calore e l’uso nei trasporti attraverso i biocarburanti. Tutto il “pacchetto” sulle rinnovabili, si lega a un altro “pacchetto” che è quello dell’efficienza energetica. Non è un caso che nelle misure incentivanti per il fotovoltaico integrato nell’edilizia abbiamo previsto incentivi laddove vengono previsti miglioramenti dell’efficienza energetica dell’edificio».

Per questo, quando il Ministro arriva finalmente sul palco e dichiara di voler ridiscutere il sostegno al settore “dopo” l’approvazione dei decreti del Conto Energia, le associazioni di categoria non riescono a celare la delusione. Per gli operatori i problemi sono essenzialmente due: primo, procrastinare ancora (i decreti erano attesi già a settembre 2011) con successive manovre significa andare alle calende greche, e i mercati (gli stessi chiamati in causa dallo stesso ministro), si sa, hanno tempi molto più rapidi della politica (pardon, dei tecnici al governo); secondo, se i decreti rimangono come finora annunciato, contengono una serie di disposizioni (limiti di spesa degli incentivi e registri) che possono già danneggiare le imprese.

I famigerati “registri” erano stati difesi (forse “d’ufficio”) dal Ministro poco prima, con i giornalisti: «sono stati introdotti per avere un effetto regolatore e per evitare le speculazioni avute negli anni precedenti, raggiungendo il loro apice quando, con uno sciagurato decreto legge, il cosiddetto “Salva Alcoa” nel dicembre 2010, si crearono le condizioni per offrire incentivi veramente troppo elevati rispetto al costo. Ora stiamo valutando se alzare la soglia (di accesso al registro, ndr). Se avremo suggerimenti diversi, per esempio dalle Regioni, in merito alla possibilità di regolare il sistema, li valuteremo, per il momento il registro ci è sembrato il migliore strumento».

Il dubbio che rimane è: da chi dovrebbero venire questi suggerimenti, se non dalle associazioni, che rappresentano direttamente chi opera in questo settore? Almeno 1600 aziende oltre all’indotto di installatori artigiani e manutentori (ma la stima del GSE sembra al ribasso) che, a più riprese, hanno lamentato la mancanza di ascolto da parte del Governo, proprio in questa fase nevralgica di predisposizione di un decreto, che regolamenterà, nel bene o nel male, il mercato delle rinnovabili per i prossimi anni. A meno che non si intenda che le associazioni di categoria devono parlare alla nuora (le Regioni) perché capisca la suocera (il Governo)…

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende