Home » Nazionali »Normative »Politiche » Le richieste degli operatori per cambiare i decreti sulle rinnovabili:

Le richieste degli operatori per cambiare i decreti sulle rinnovabili

maggio 9, 2012 Nazionali, Normative, Politiche

Come raramente accade in Italia, dov’è abitudine procedere in ordine sparso, le associazioni che rappresentano il settore delle rinnovabili si sono unite per fare richieste comuni al Governo. L’unione fa la forza, e la speranza è che una voce più grossa venga finalmente ascoltata.

Le critiche ai due decreti , già messi nero su bianco dal Governo – il Quinto Conto Energia sul fotovoltaico e il provvedimento sulle altri rinnovabili elettriche – circolano già da settimane. I due testi sono all’esame delle Regioni, che avrebbero dovuto esprimere il proprio parere proprio oggi, mentre al SolarExpo di Verona, in una sessione straordinaria degli “Stati generali delle rinnovabili e dell’efficienza energetica“, operatori e associazioni ambientaliste si confronteranno con il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Alla Conferenza delle Regioni però, l’esame dei decreti e il conseguente, tanto atteso, parere non risultano all’ordine del giorno, creando così un piccolo giallo: se ne parlerà o il parere slitterà, come ritengono alcuni osservatori, a fine mese? 

Dicevamo dei due provvedimenti già messi a punto dal Ministro Corrado Passera. Altri tuttavia mancano all’appello: “La prima richiesta che gli Stati generali rivolgono con forza al governo è che vengano emanati rapidamente, previa consultazione con le parti interessate, sia il decreto sulle rinnovabili termiche, atteso dal settembre scorso, sia la definizione degli obiettivi dei certificati bianchi al 2020, che quelli relativi alla definizione delle norme per l’immissione in rete e la promozione del biometano (in assenza dei quali si stanno bloccando, di fatto, le opportunità di sviluppo per questo settore, che presenta significative potenzialità per le rinnovabili elettriche, termiche ed anche per i trasporti)”.

Accanto a questo appello ci sono una serie di richieste congiunte, accompagnate da due proposte di emendamento al decreto sulle rinnovabili elettriche e al Quinto Conto Energia che, così come sono, “porterebbero a ridurre gli incentivi da 12,4 a 11,2 miliardi di euro, con un taglio del 10%, ma con modalità di applicazione devastanti. Infatti, a fronte di un limitato impatto sulle tariffe, come osserva anche l’Autorità dell’Energia, si frenerebbe la crescita delle rinnovabili (secondo l’ultimo rapporto di Deutsche Bank, non si raggiungerebbero gli obiettivi al 2020) e si metterebbe in ginocchio uno dei pochi settori che si erano sviluppati in questo periodo di crisi”.

Per quanto riguarda le rinnovabili elettriche, a preoccupare gli operatori “non sono tanto i tagli degli incentivi, comunque in alcuni casi particolarmente penalizzanti, quanto l’aumento del peso della burocrazia che i decreti introdurrebbero, quando al contrario andrebbe alleggerita come avviene in molti altri paesi”. In particolare, “è unanime la richiesta di abbandono del sistema dei registri e dei limiti annui allo sviluppo delle diverse tecnologie, da sostituire con un meccanismo di riduzione della tariffa che si autoregoli in funzione del volume di installazioni”. Il superamento del sistema dei registri e delle aste, spiega Mario Gamberale, AD di AzzeroCo2, “si potrebbe ottenere tranquillamente anche con un meccanismo di regolamento automatico della potenza in funzione dei volumi”.

Per il fotovoltaico, le associazioni propongono di aumentare il plafond di spesa previsto: “Si dovrebbe tornare al limite di 7 miliardi, già indicato nel Quarto Conto Energia, che consentirebbe a questa tecnologia, nel medio termine, di riuscire a camminare sulle proprie gambe garantendo l’installazione di migliaia di megawatt senza incentivi. Per accompagnare il passaggio al nuovo regime si chiede inoltre un periodo transitorio di tre mesi dalla data di raggiungimento del limite di spesa previsto. Proprio per costruire un percorso del fotovoltaico verso la grid parity che sia ad impatto zero in bolletta, si deve dare la possibilità di usufruire dello scambio sul posto anche agli impianti sopra i 200 kW, come percorso alternativo agli incentivi”.

Gli operatori propongono poi di introdurre premi per gli interventi più costosi, “come gli impianti a concentrazione e lo smaltimento dell’amianto. Allo stesso modo si dovrebbe prevedere un premio per impianti realizzati con almeno l’80% di materiali prodotti in Europa e comunque vanno individuate opportune forme di incentivazione a sostegno e sviluppo dell’industria nazionale. Inoltre occorre, come nell’attuale conto energia, classificare gli impianti su fabbricati rurali come edifici visto che saranno tutti accatastati e soggetti ad Imu”.

Dal Governo, spiega Mariagrazia Midulla, responsabile Clima & Energia del Wwf, ci si aspettano risposte: “Definire le prospettive e mettere a punto anche un piano industriale”. Il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini è ottimista: “Siamo convinti che le mobilitazioni di queste settimane da parte di tanti cittadini, associazioni e aziende per cambiare i decreti, come la chiara volontà espressa dalle Regioni di modificarlo, porteranno a una soluzione che sarà nell’interesse di tutti e che sosterrà la diffusione delle energie pulite per gli enormi vantaggi che sta generando, sia in termini di riduzione dei consumi e delle importazioni di combustibili fossili, che dell’inquinamento, ma anche, e sempre di più, per la riduzione dei costi dell’energia e la creazione di nuovi posti di lavoro”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende