Home » Rassegna Stampa » Le lacune dell’Italia nella corsa all’eco-innovazione:

Le lacune dell’Italia nella corsa all’eco-innovazione

luglio 11, 2011 Rassegna Stampa

L’Italia deve affrontare un numero consistente di limiti strutturali che, nel corso degli anni, hanno rallentato la crescita di una cultura dell’innovazione e condotto a una frammentazione delle azioni innovative, anche in relazione al settore dell’eco-innovazione.

In sostanza sono queste le conclusioni dell’Eco-Innovation Country Report 2010 (rilasciato a maggio 2011) dedicato all’Italia, il consueto report annuale dell’Eco-Innovation Observatory che delinea il profilo dei 27 Paesi membri dell’Unione Europea e provvede a dare una serie di informazioni integrate utili tanto alle aziende del settore quanto ai decisori politici.

A quanto pare, però, l’Italia presenta delle considerevoli lacune. Come è risaputo, il nostro paese può contare su un numero limitatissimo di risorse energetiche derivanti da combustibili fossili, ma la sua produzione primaria di energia, tuttavia, si basa sull’uso di combustibili come petrolio e carbone e, solamente in misura minoritaria, sulla potenza idroelettrica nell’ambito delle energie rinnovabili. In percentuale, il 64,7% dell’energia prodotta in Italia deriva da combustibili fossili, quali gas naturale e combustibili solidi; il 21,2% deriva invece da fonti di energia rinnovabili; il 14,1% dell’energia utile al fabbisogno del Paese, invece, viene importata, soprattutto dalla Francia e dalla Svizzera, con una significativa condivisione di energia nucleare. Dato importante è che la percentuale di energia importata e cresciuta del 12% nel 2009 rispetto all’anno precedente.

Per quanto riguarda la situazione relativa alle energie rinnovabili e alla salvaguardia dell’ambiente, il riconoscimento del valore intrinseco delle risorse naturali ed ambientali ha avuto uno sviluppo abbastanza lento nel corso degli ultimi quarant’anni. Alcune organizzazioni sono state attive principalmente nell’ambito della protezione ambientale, soprattutto per quel che concerne specifiche minacce e pericoli per l’aria, l’acqua, i terreni. Alcuni di questi organismi hanno anche lanciato programmi per il riconoscimento dell’importante interazione tra sostenibilità, ecologia e innovazione. Ma il riconoscimento, anche pubblico, del potenziale intrinseco dell’eco-innovazione è legato essenzialmente all’ambito del global warming e del cambiamento climatico, e non a specifici casi di pericolo per le risorse naturali. E risiede proprio in questo particolare, secondo il Report in questione, l’elemento principale che ha ostacolato il settore dell’eco-innovazione.

Quali sono dunque, in concreto, le principali barriere per l’eco-innovazione in Italia? Il Report ne ha rilevate sostanzialmente tre: la consapevolezza e la disponibilità culturale all’eco-innovazione; le difficoltà con gli investimenti iniziali e l’implementazione dei progetti; l’esclusione di menti innovative, come quelle dei giovani cittadini, dai processi di innovazione economica ed ecologica.

In relazione al primo ostacolo, la mancanza di “disponibilità” culturale all’eco-innovazione deriva dal retaggio storico (unificazione relativamente recente) e geografico (caratteristiche geo-morfologiche) del nostro Paese per cui si ha una struttura governativa frammentata e, talvolta, una cattiva comunicazione tra il governo centrale e le realtà locali. Questa frammentazione ovviamente contrasta con i valori intrinseci dell’innovazione in generale e dell’eco-innovazione in particolare.

Per quanto riguarda la difficoltà ad investire in innovazione, il Report ricorda invece la tradizionale debolezza italiana nel tradurre gli input innovativi in risultati socio-economici, a causa dell’alta tassazione, degli elevati costi di start-up, delle lentezza della burocrazia, della complessità legislativa, e della rigidità del mercato del lavoro. Si tratta di un sistema inelastico, che nel tempo ha ostacolato anche grandi progetti, e non solo le Piccole e Medie Imprese (PMI). Inoltre, la frammentazione e le regionalizzazione dei mercati rende l’accesso per la distribuzione molto lento. Questi elementi negativi sono legati tra l’altro alle difficoltà di accesso agli investimenti tramite venture capital, soprattutto per le start-up nel campo dell’innovazione, dove gli introiti sono lenti ad arrivare.

La terza lacuna del sistema italiano nel settore dell’eco-innovazione è infine quella che ha come protagonisti le giovani generazioni. La mancanza di giovani, maggiormente aperti alle innovazioni, nei settori chiave del mondo dell’eco-innovazione, crea al nostro Paese un ostacolo considerevole nello sviluppo del settore. Il problema risiederebbe nel sistema scolastico, e nella società in generale, che, secondo il Report, per migliorare dovrebbe offrire un’educazione in grado di promuovere le capacità innovative individuali, sul modello della Silicon Valley.

In conclusione, seppure l’Italia risulti essere tra i quattro Paesi europei con la più alta spesa nel settore della protezione ambientale, l’ambito dell’eco-innovazione continua ad essere ostacolato da elementi strutturali del sistema governativo e sociale italiano. Miglioramenti potrebbero verificarsi con lo “svecchiamento” del sistema, investimenti pubblici ben mirati e l’internazionalizzazione del mercato interno.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende