Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Legambiente. Campioni d’Italia dal 1980:

Legambiente. Campioni d’Italia dal 1980

settembre 7, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Per Legambiente, il 2011 sarà un anno da ricordare. Quella del referendum contro il nucleare è stata una vittoria storica, che ha chiuso simbolicamente un cerchio. L’associazione, fin dalla sua nascita nel 1980, è stata in prima linea nella lotta contro l’atomo. Ma questo sarà anche l’anno del congresso nazionale, che si terrà a Bari dal 2 al 4 dicembre.

«Parleremo di rivoluzione energetica, di come si riesce a uscire dalla crisi con un’economia a bassa emissione di Co2. E poi presenteremo delle risposte al declino generale dell’Italia, senza dimenticare però di valorizzare quanto di positivo c’è nel Paese», dice oggi il presidente Vittorio Cogliati Dezza, anticipando i temi chiave dell’evento.

In più di trent’anni di attività, Legambiente è cresciuta fino a diventare l’associazione ambientalista italiana con maggiore diffusione capillare sul territorio. Oggi conta oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno si iscrivono ai campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali.

Le campagne e giornate di mobilitazione attive sono più di quaranta, a partire da Puliamo il mondo, quest’anno dal 16 al 24 settembre. «L’iniziativa – racconta Andrea Poggio, vice direttore generale di Legambiente – è nata 19 anni fa in un piccolo giardino nel centro di Milano. A quella giornata partecipò anche il console australiano, che ci raccontò del coordinamento internazionale Clean Up the World. Così li abbiamo contattati e abbiamo aderito. Oggi Puliamo il mondo è la più importante iniziativa di volontariato ambientale nel nostro Paese». E il messaggio lanciato dalle centinaia di migliaia di volontari con il cappellino giallo, è semplice: «La risposta ai problemi non può che partire dai territori e dall’amore che ci lega alla nostra terra».

Quello che Poggio chiama l’«ambientalismo sociale», «l’idea che non si può cambiare l’ambiente senza cambiare le persone», è il motore di ogni iniziativa dell’associazione, dalla Carovana delle Alpi per la salvaguardia delle montagne, a Goletta Verde, ricognizione sullo stato di salute di mari e laghi, fino alla Biodomenica, che quest’anno sarà il 9 ottobre. Con lo stesso spirito è stata lanciata pochi mesi fa, in collaborazione con AzzeroCo2, la Campagna Provincia Eternit Free, che propone ad aziende e proprietari di capannoni di rimuovere il tetto di eternit e sostituirlo con una copertura a pannelli solari. «Contiamo di realizzare i primi tetti fotovoltaici entro l’anno. I primi dieci grandi impianti superiori a 1 megawatt sono già in corso di finanziamento e abbiamo strutturato una trentina di gruppi d’acquisto per le estensioni più piccole, per un totale di un migliaio di tetti», continua Poggio.

All’ambientalismo sociale si è accompagnato, fin dall’inizio, quello «scientifico», che riconosce l’importanza della scienza e della ricerca per la tutela dell’ambiente. Da qui, l’idea di fare comunicazione attraverso rapporti che, spiega Poggio, «siano il più possibile puntuali, testimonianza di ciò che non vogliamo portarci dietro in questo secolo e ciò che invece deve essere valorizzato». Nel tempo, queste pubblicazioni si sono moltiplicate. Il Rapporto Ecomafie, redatto fin dal 1994 dall’Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità di Legambiente, rimane l’unico report annuale sul fenomeno dei crimini ambientali. Il dossier sui Comuni Ricicloni, sempre dal 1994, stila una classifica delle amministrazioni locali con i migliori risultati nella gestione dei rifiuti e diffonde le buone pratiche.

In più di trent’anni di attività, l’associazione si è anche impegnata sul piano legislativo, facendo pressione per l’approvazione di norme più attente alla tutela ambientale: «Mi piace ricordare due casi. Il primo è quello della misura sulle detrazioni del 55% per gli interventi di ristrutturazione e efficientamento energetico degli edifici, che ha reso più trasparente il lavoro, ha evitato la costruzione di case nuove e ha limitato il consumo di suolo. L’altro riguarda l’ingresso nel Codice penale dello smaltimento abusivo dei rifiuti come reato ambientale», racconta il vicedirettore generale.

Decisioni nazionali che però, per Legambiente, assumono piena forza quando vengono declinate in politiche locali e entrano nell’agire delle persone. A Bari, spiega Poggio, «si parlerà di limitazione del consumo di suolo e della capacità delle politiche locali di rendere più sostenibili le economie italiane e insieme anche la qualità della vita». In questa direzione, Legambiente ha già fatto un altro passo: a fine 2010, a Milano, l’associazione ha creato la prima Centrale di mobilità italiana, un centro di servizi accessibile a tutti coloro che cercano informazioni personalizzate e servizi legati alla mobilità e ai trasporti. L’esperimento sta funzionando, e proprio in questi giorni sono state lanciate promozioni che sono il frutto di un accordo con Atm, la società che gestisce il trasporto pubblico milanese: con la tessera di Legambiente, i cittadini potranno godere di agevolazioni nell’acquisto di abbonamenti annuali, ma anche di convenzioni vantaggiose su carsharing, bikesharing e autonoleggio. E sta partendo un confronto con l’amministrazione comunale per lanciare una campagna per il cambiamento degli stili di vita in città. Perché, sottolinea Cogliati Dezza, «il ruolo di Legambiente è far capire che le nostre proposte per l’ambiente sono quelle dello sviluppo e della modernità».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende