Home » Finanziamenti »Internazionali »Nazionali »Normative »Politiche » Modello tedesco di incentivazione del fotovoltaico. Come funziona?:

Modello tedesco di incentivazione del fotovoltaico. Come funziona?

Gli imprenditori del fotovoltaico sono in fibrillazione: ieri si è svolto un incontro tra i rappresentanti delle Regioni e i Ministri Paolo Romani (sviluppo economico) e Stefania Prestigiacomo (Ambiente), durante il quale è stata definita una prima bozza del cosiddetto “Quarto Conto Energia”, ovvero la rideterminazione del quadro complessivo di remunerazione previsto per chi installa impianti fotovoltaici e decide di immettere l’energia elettrica prodotta nella rete nazionale. 

Gli incentivi saranno inferiori rispetto a quelli del Terzo Conto Energia, che ha avuto vita brevissima: da inizio anno alla fine del mese di maggio prossimo venturo. La sua fine anticipata è stata decisa dal Decreto Romani sulle energie rinnovabiliapprovato lo scorso 3 marzo e seguito da un’ inevitabile coda di polemiche: non solo da parte degli imprenditori ma anche da parte delle associazioni ambientaliste, che hanno accusato il Governo di voler decretare la morte delle rinnovabili in Italia, per favorire il ricorso al nucleare.

Il decreto stesso prevedeva, in ogni caso, che l’approvazione delle nuove tariffe incentivanti, dopo appositi tavoli tecnici, fosse demandata ad un successivo Decreto da approvare entro la fine di aprile. Per questo, nei giorni scorsi, si sono moltiplicate le proposte degli operatori del fotovoltaico, preoccupati soprattutto di salvaguardare gli investimenti in corso, programmati tenendo conto di un sistema di incentivi più alto e più remunerativo di quello che ora si preannuncia: il problema, in particolare, riguarda gli impianti che sono attualmente in fase di ultimazione, ma che saranno allacciati quando il quadro normativo sarà ormai cambiato – mentre il Terzo Conto Energia era stato programmato per durare tre anni.

C’è dunque attesa, oggi, sui commenti che riceverà la bozza di Decreto, al vaglio dalle maggiori associazioni imprenditoriali del fotovoltaico, prima di approdare ad un primo esame del Consiglio dei Ministri, previsto per domani. Dalle prime indiscrezioni sembra sicura una riduzione delle tariffe incentivanti, rispetto a quelle attuali, di 2 punti percentuali nel primo quadrimestre 2011 e di circa 8-10 punti percentuali nel secondo. Non ci sarebbero ulteriori diminuzioni, invece, per l’ultimo quadrimestre, mentre dall’anno successivo, il 2012, le tariffe incentivanti scenderebbero del 10% e, nel 2013, la diminuzione arriverebbe addirittura al 15-20%Una soluzione pesante, dunque, ma graduale che dovrebbe assicurare la programmazione degli investimenti, secondo un sistema a scaglioni, alla tedesca, da più parti invocato e che scongiurerebbe la temuta riduzione mensile delle tariffe incentivanti. 

Non è chiaro però se verrà o meno inserito un limite annuo, di 2 GW, alla potenza totale installabile, della quale due terzi dovrebbero essere impianti non superiori a 200 kW. In questo caso lo Stato non erogherebbe più di 6 miliardi di incentivi all’anno. ”Credo che entro la prima decade di aprile concluderemo i lavori di consultazione ed emaneremo il decreto ministeriale”- ha detto il Ministro Prestigiacomo-  “Gli investimenti in corso devono essere salvaguardati, intendendo per impianti messi in esercizio quelli posati e non allacciati.”.  “Nei successivi sei mesi – ha continuato la Prestigiacomo smentendo in parte le indiscrezioni – bisognerà prevedere una riduzione molto lieve degli incentivi in modo da non penalizzare gli investimenti in corso, quindi anche quelli programmati col vecchio regime e non conclusi alla fine di maggio. Dal 2012 si procederà poi con uno ‘scalone’ negli incentivi senza fissare un tetto in termini di Megawatt annuali ma un tetto complessivo in milioni di euro fino alla fine degli incentivi”. “Si tratta”, ha aggiunto,”del modello tedesco di flessibilità annuale, che tutti gli operatori ci hanno chiesto”. ”Vogliamo evitare speculazioni e valorizzare la filiera senza che fondi stranieri approfittino di un incentivo nazionale alto”.

Ma come funziona il modello tedesco? E, soprattutto, quello auspicato dal Ministro è davvero un modello alla tedesca? Se lo è, è piuttosto italianizzato: come spiega infatti PHOTON, mensile tedesco del fotovoltaico, in Germania non ci sono limiti annui alla potenza installata da fotovoltaico né limiti alle somme elargibili come incentivi. In Germania, poi, la riduzione programmata degli incentivi si regola in base alla potenza installata nell’ultimo periodo rilevato e tiene conto del progressivo decremento dei costi, legati all’aumento delle installazioni e della produzione mondiale: più consistente è la potenza allacciata alla rete, maggiore è la riduzione che si impone alle relative tariffe, mentre in Italia la determinazione delle tariffe appare più legata alle trattative tra politici, funzionari ministeriali e industria del settore.

Gli incentivi tedeschi, poi, sono «onnicomprensivi»: si sovvenziona l’immissione in rete e non la produzione di corrente, per cui non c’è cumulo tra profitto per la vendita della corrente e produzione per autoconsumo. Le tariffe, poi, sono commisurate ai livelli locali di irradiazione (in Italia una cosa simile è stata chiesta dalla associazione pratese Anter, che riunisce sia imprenditori che cittadini), e vanno da un minimo di 21,11 centesimi di euro a chilowattora, per gli impianti al suolo di qualunque taglia, a un massimo di 28,74 centesimi di euro a chilowattora per le centrali su tetto fino a 30 chilowatt di potenza.

Secondo PHOTON il ritorno economico dell’investimento si attesterebbe, anche con le nuove tariffe, attorno al 7,4 per cento, ma in Italia, con questo sistema, ci sarebbero margini di recupero ancora più veloci, in virtù di un irraggiamento solare migliore. Peccato il costo dei pannelli, che nel nostro paese resta mediamente superiore rispetto a quelli praticati all’estero.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende