Home » Recensioni » La nuova geopolitica della scarsità alimentare secondo Lester Brown:

La nuova geopolitica della scarsità alimentare secondo Lester Brown

ottobre 26, 2012 Recensioni

Non è neanche passato un anno dal libro di Paolo De CastroCorsa alla terra. Cibo e agricoltura nell’era della nuova scarsità” (Donzelli Editore) che per i tipi di Edizioni Ambiente esce “9 miliardi di posti a tavola” di Lester R.Brown. Terra come affare, scriveva l’europarlamentare italiano, presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo. Cibo nuovo petrolio, terra nuovo oro, dice oggi Lester R. Brown. L’agricoltura, come rilevato durante l’ultima edizione del Workshop IMAGE, sarà sempre più un settore strategico, soprattutto nella sua missione primaria, ovvero la produzione di cibo. Nutrire la popolazione mondiale, che cresce ogni anno di 80 milioni di individui, diventa sempre più difficile. E allora le nazioni che possono permetterselo corrono all’estero ad accaparrarsi terre coltivabili e annesse risorse idriche. Il land grabbing rappresenta un fenomeno nuovo all’interno della geopolitica della scarsità alimentare, in cui il cibo ha assunto la stessa importanza del petrolio e il terreno agricolo è prezioso come l’oro.

Le ricadute in termini di prezzi mondiali del cibo sono sotto gli occhi di tutti. Cosa accadrà con il prossimo aumento dei prezzi? Il cibo è l’anello debole della nostra società e rischia quindi di diventare un importante fattore di instabilità politica. “Lo scopo di questo libro consiste nell’aiutare la popolazione mondiale a prendere coscienza che il tempo scarseggia. Con il presente volume il gruppo di ricerca dell’Earth Policy Institute vuole far prendere coscienza della portata della sfida che abbiamo di fronte e spingere all’azione”, scrive nella premessa Brown. “Abbiamo iniziato a scrivere questo libro nella primavera del 2012 durante la stagione della semina del mais. Gli Usa sono i principali produttori ed esportatori di mais al mondo. Una calda primavera anticipata – racconta Brown – aveva portato a una partenza eccezionale nei campi, gli analisti prevedevano il più grande raccolto di tutti i tempi. Ma il caldo record e l’assenza di precipitazioni stava disidratando il terreno. Quest’anno i dati erano stati promettenti, ma dobbiamo constatare come la sicurezza alimentare possa essere minacciata dagli eventi atmosferici che sono connessi ai cambiamenti climatici”.

Tra l’inizio di giugno e la metà di luglio, i prezzi del mais sono dunque cresciuti di un terzo. I prezzi del cibo saliranno ancora probabilmente verso nuovi record. Non è solo l’attuale situazione alimentare che si va deteriorando, ma anche lo stesso sistema globale del cibo (in discussione in questi giorni al Salone del Gusto di Torino). Brown racconta come con l’aumentare delle quotazioni, i paesi esportatori, hanno cominciato a limitare le esportazioni per tenere bassi i prezzi nei propri paesi. Di conseguenza i governi delle nazioni importatrici sono andati nel panico, e alcuni di loro hanno reagito cominciando a comprare o prendere in affitto, terreni in altre nazioni sui quali produrre cibo per il proprio consumo interno. Senza dimenticare l’altra grande contraddizione: l’impiego di una gran parte delle colture agricole per la produzione di biocarburante. E senza trascurare la crescita demografica esponenziale che ha oltrepassato quelle che sono le capacità di supporto degli ecosistemi. E poi, ancora, il picco dell’acqua e le carestie alimentari.

Tutto questo ha dato il via a una nuova geopolitica della scarsità alimentare. Così che mano a mano che gli approvvigionamenti di cibo si riducono andiamo verso una nuova era alimentare in cui ciascun paese farà per sé. Dal punto di vista alimentare il mondo si trova davvero nei guai. “Fino a che non ci muoveremo verso nuove strategie politiche, l’obiettivo del superamento della fame rimarrà un miraggio”, conclude Brown (25 lauree honoris causa), che sarà in Italia il 29 novembre prossimo in occasione del Forum del Barilla Center for Food & Nutrition a Milano.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende