Home » Recensioni » La nuova geopolitica della scarsità alimentare secondo Lester Brown:

La nuova geopolitica della scarsità alimentare secondo Lester Brown

ottobre 26, 2012 Recensioni

Non è neanche passato un anno dal libro di Paolo De CastroCorsa alla terra. Cibo e agricoltura nell’era della nuova scarsità” (Donzelli Editore) che per i tipi di Edizioni Ambiente esce “9 miliardi di posti a tavola” di Lester R.Brown. Terra come affare, scriveva l’europarlamentare italiano, presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo. Cibo nuovo petrolio, terra nuovo oro, dice oggi Lester R. Brown. L’agricoltura, come rilevato durante l’ultima edizione del Workshop IMAGE, sarà sempre più un settore strategico, soprattutto nella sua missione primaria, ovvero la produzione di cibo. Nutrire la popolazione mondiale, che cresce ogni anno di 80 milioni di individui, diventa sempre più difficile. E allora le nazioni che possono permetterselo corrono all’estero ad accaparrarsi terre coltivabili e annesse risorse idriche. Il land grabbing rappresenta un fenomeno nuovo all’interno della geopolitica della scarsità alimentare, in cui il cibo ha assunto la stessa importanza del petrolio e il terreno agricolo è prezioso come l’oro.

Le ricadute in termini di prezzi mondiali del cibo sono sotto gli occhi di tutti. Cosa accadrà con il prossimo aumento dei prezzi? Il cibo è l’anello debole della nostra società e rischia quindi di diventare un importante fattore di instabilità politica. “Lo scopo di questo libro consiste nell’aiutare la popolazione mondiale a prendere coscienza che il tempo scarseggia. Con il presente volume il gruppo di ricerca dell’Earth Policy Institute vuole far prendere coscienza della portata della sfida che abbiamo di fronte e spingere all’azione”, scrive nella premessa Brown. “Abbiamo iniziato a scrivere questo libro nella primavera del 2012 durante la stagione della semina del mais. Gli Usa sono i principali produttori ed esportatori di mais al mondo. Una calda primavera anticipata – racconta Brown – aveva portato a una partenza eccezionale nei campi, gli analisti prevedevano il più grande raccolto di tutti i tempi. Ma il caldo record e l’assenza di precipitazioni stava disidratando il terreno. Quest’anno i dati erano stati promettenti, ma dobbiamo constatare come la sicurezza alimentare possa essere minacciata dagli eventi atmosferici che sono connessi ai cambiamenti climatici”.

Tra l’inizio di giugno e la metà di luglio, i prezzi del mais sono dunque cresciuti di un terzo. I prezzi del cibo saliranno ancora probabilmente verso nuovi record. Non è solo l’attuale situazione alimentare che si va deteriorando, ma anche lo stesso sistema globale del cibo (in discussione in questi giorni al Salone del Gusto di Torino). Brown racconta come con l’aumentare delle quotazioni, i paesi esportatori, hanno cominciato a limitare le esportazioni per tenere bassi i prezzi nei propri paesi. Di conseguenza i governi delle nazioni importatrici sono andati nel panico, e alcuni di loro hanno reagito cominciando a comprare o prendere in affitto, terreni in altre nazioni sui quali produrre cibo per il proprio consumo interno. Senza dimenticare l’altra grande contraddizione: l’impiego di una gran parte delle colture agricole per la produzione di biocarburante. E senza trascurare la crescita demografica esponenziale che ha oltrepassato quelle che sono le capacità di supporto degli ecosistemi. E poi, ancora, il picco dell’acqua e le carestie alimentari.

Tutto questo ha dato il via a una nuova geopolitica della scarsità alimentare. Così che mano a mano che gli approvvigionamenti di cibo si riducono andiamo verso una nuova era alimentare in cui ciascun paese farà per sé. Dal punto di vista alimentare il mondo si trova davvero nei guai. “Fino a che non ci muoveremo verso nuove strategie politiche, l’obiettivo del superamento della fame rimarrà un miraggio”, conclude Brown (25 lauree honoris causa), che sarà in Italia il 29 novembre prossimo in occasione del Forum del Barilla Center for Food & Nutrition a Milano.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende